Loghi FSE

Home / Menù Home Page / Il futuro di Tor Marancia / E-Book Tenuta di Tor Marancia

Banner

E-Book Tenuta di Tor Marancia

E-Book Tenuta di Tor Marancia

L’ultima campagna intorno a noi

La grande maggioranza dei cittadini romani ha ignorato fino agli anni novanta cosa fosse e dove fosse la Tenuta di Tor Marancia, insediata in epoca preistorica, con un uso agricolo dall’Età romana fino ai nostri giorni.

Duecento e più ettari di splendida campagna romana, miracolosamente intatta entro il Raccordo anulare, ai confini e parte integrante del Parco dell’Appia Antica, ignorata fino a quando non si é levata forte vigile e chiara la voce di Antonio Cederna, insieme ad un movimento sempre più agguerrito di opinione pubblica, deciso a denunciare il rischio tangibile di un diluvio di cemento, due milioni di metri cubi a cancellare per sempre, storia, memoria, e ambiente incontaminati. Una lunga e aspra battaglia che ha fatto storia nelle vicende urbanistiche della città, condotta in prima linea da Italia Nostra, con azioni legali, manifestazioni, mobilitazione di tutte le associazioni nazionali e i comitati romani, con Appelli al Parlamento Italiano firmato da 180 onorevoli, all’Unione Europea, alle Istituzioni Culturali Internazionali.

Nel 1997 infine, contro i poteri forti della città, e grazie soprattutto ad un Soprintendente coraggioso Adriano La Regina, fu apposto un vincolo paesaggistico e archeologico alla Tenuta, che ha regalato a Roma il parco più esteso della città: Bene comune e Patrimonio dell’Appia, diventato tale purtroppo, un anno dopo la scomparsa di Antonio Cederna.

Con questo E-book, destinato a diventare anche un racconto su carta stampata, l’Associazione ha voluto, da una parte, riannodare i fili della cronaca politica e di costume che hanno portato alla Tutela di Tor Marancia (testimoniata da un archivio imponente: 790 e più articoli, atti, verbali, conferenze stampa, comunicati, delibere, ordini del giorno) e, dall’altra, contribuire ad un riordino delle ricerche e degli studi fin qui fatti dei dati archeologici acquisiti, delle fonti storiche individuate.

Un impegno che è solo all’inizio, con il lavoro di ricerca di giovani studiose come Maria Teresa Campoli, che ha impostato questo E-Book, raccolto il materiale di tanti altri collaboratori ed esperti a cui va la riconoscenza di Italia Nostra, sotto la guida di Annalisa Cipriani.